Gite escursionistiche

►   Indice:   [ Presentazione ] [ Foto ] [ Programma ] [ Regolamento escursioni festive sezionali ]



L’edizione 2014 è la 30a pubblicazione del programma delle escursioni e delle attività previste nel corso dell’anno del CAI Sezione di Missaglia.
Ben 30 edizioni testimoniano del costante lavoro di informazione e della solidità della nostra attività.
Come è nostra consuetudine, le difficoltà delle escursioni festive che qui troverete sono miste.
Si parte da mete facili adatte anche a famiglie con figli piccoli, per arrivare alla metà del programma con escursioni adatte a chi è allenato e ha un minimo di esperienza con l’alta montagna e l’escursione in cordata.
Nella parte finale sono previste ancora mete più facili.

L’obiettivo è quello di permettere a persone di diversa esperienza di avvicinarsi e vivere le bellezze della montagna, inserendo le mete adatte.
Si tratta di brevi viaggi con una partenza ed una meta, ma soprattutto è importante quel che ci sta nel mezzo.
Scoperta della natura, delle sue bellezze, esercizio fisico, ma anche occasione per ripensare a sè stessi e confrontarsi con altre persone in allegria e curiosità.

Rigenerarsi dallo stress della tecnologia e dell’economia è un obiettivo che si aggiunge a quello dell’arrivare su di una cima o ad un rifugio.

Le escursioni sono aperte a tutti, soci e non soci.
A fianco ne pubblichiamo il Regolamento.
Prendete nota che le escursioni con avvicinamento in Autobus hanno una data di inizio iscrizione.
Tutti i soci sono assicurati con specifica assicurazione CAI;
i non soci possono richiedere una polizza giornaliera entro il mercoledì precedente alla gita, al costo di 3,75€.




Programma 2017









Regolamento delle escursioni festive sezionali

La Sezione CAI di Missaglia propone ai propri soci l'attività delle escursioni sociali, per l'avvicinamento alla vita e alla cultura della montagna, attraverso la pratica in sicurezza del cammino in montagna e dell'alpinismo facile, da vivere con animo gioioso e spirito di amicizia, sviluppando la solidarietà fra i frequentatori della montagna.
Le escursioni sono aperte anche ai non soci: anch’essi devono rispettare lo spirito del CAI e il regolamento qui sotto riportato.

Il Programma escursionistico ha l’obiettivo di favorire la partecipazione di persone a diverso grado di preparazione fisica e tecnica. E’ quindi impostato con criteri di variabilità delle mete e delle difficoltà, e di gradualità nell’ inserirle a calendario: le più imepgnative sono a stagione avanzata.


1. La Sezione adotta ogni precauzione per tutelare l'incolumità dei gitanti; questi, in considerazione dei rischi e pericoli inerenti allo svolgimento dell'attività alpinistica, esonerano il CAI, la Sezione di Missaglia, i suoi rappresentanti, nonché i capigita, da ogni responsabilità per incidenti e infortuni di qualsiasi natura che si verificassero prima, dopo e durante le gite.


2. Le iscrizioni alle escursioni si raccolgono presso la sede sociale entro il mercoledi antecedente la gita o altra data che potrà essere precisata nel programma.
L’iscrizione deve essere di norma accompagnata dalla relativa quota.
In modo particolare le gite con prenotazioni e pernottamento in rifugi o alberghi devono essere intera­mente pagate in anticipo presso la sede. L’iscritto che non si presentasse alla partenza, è tenuto all'integrale pagamento della relativa quota.


3. La disdetta dopo la chiusura delle iscrizioni o la mancata presenza alla partenza non dà diritto ad alcun rimborso.


4. La partenza avviene con qualunque condizione meteo, salvo avviso contrario. Il ritrovo è di norma fissato a Missaglia, presso il parcheggio Baita Alpina, in Via Giovanni XXIII.


5.  In caso di annullamento della gita, gli iscritti saranno tempestivamente informati.
Per facilitare le comunicazioni, lasciare sempre un recapito telefonico all’ atto dell'iscrizione.
 Il rimborso degli anticipi verrà effettuato presso la sede.


6. Qualora il trasferimento avvenisse con auto private, la Sottosezione, la Commissione Gite e i capigita, declinano ogni responsabilità per i trasferimenti stessi, intendendosi la gita iniziata e conclusa al punto di ritrovo ove si lasciano e si riprendono le auto.


7. Si raccomanda l'uso di calzature da montagna, di vestiario adeguato e l'utilizzo delle attrezzature che verranno di volta in volta eventualmente specificate in funzione del programma da svolgere.
È facoltà del capogita escludere i partecipanti non ritenuti idonei o insufficientemente equipaggiati.


8. Ogni partecipante è tenuto a collaborare con il capogita, ad adeguarsi alle sue decisioni e a prestare il proprio aiuto per la buona riuscita dell'escursione.
Eventuali deviazioni dai percorsi stabiliti devono essere preventivamente comunicate al capogita.


9. La gita viene classificata secondo la scala delle difficoltà in condizioni normali in uso nel CAI: si evidenzia però che le stesse possono variare in funzione di particolari situazioni climatiche o ambientali, perciò ogni partecipante deve valutare le proprie condizioni tecniche e fisiche prima di iscriversi.


10. Nelle gite sociali con pernottamento nei rifugi, è obbligatorio l'uso del sacco-lenzuolo personale.




NOTA - scala delle difficoltà escursionistiche:


T    turistica


E    escursionistica


EE   escursionisti esperti


EEA  escursionisti esperti attrezzati


EAI  escursionisti in ambiente innevato